Lavorazione lamiere Torino – Taglio al plasma e ossitaglio

Lavorazione lamiere Torino – Taglio al plasma e ossitaglio

21 Ottobre 2019 0 Di Sarah

Tra i tipi di lavorazione lamiere a Torino, e tra le tecniche utilizzate, si sente spesso parlare di taglio al plasma e di ossitaglio. Nel primo caso ci riferiamo ad una lavorazione per cui si utilizza una torcia o una lancia al plasma. Mentre nel secondo viene utilizzato l’ossigeno con l’acetilene. Cerchiamo di capire meglio come funzionano queste tipologie di lavorazione di lamiere a Torino.

Il taglio al plasma

La lavorazione di lamiere a Torino con il taglio al plasma si esegue con un dispositivo particolare. All’interno di questo macchinario un determinato tipo di gas genera un arco elettrico tra un elettrodo e la superficie che va tagliata. Questo arco elettrico quando entra in contatto con il gas, si trasforma in un flusso di plasma soffiato fuori da un ugello. Inoltre le temperature raggiunte dal getto del taglio al plasma sono di circa di 10.000 gradi. Questo garantisce un taglio pulito dal momento che sarà la stessa energia cinetica del gas a rimuovere il metallo fuso tagliato. Se avete bisogno di questo tipo di lavorazione di lamiere a Torino, o di altri servizi relativi a questo settore, potete rivolgervi alla Ditta CLARI. I loro professionisti, grazie alla loro pluriennale esperienza nella lavorazione di lamiere a Torino sapranno soddisfare le vostre necessità in campo siderurgico.

Tipologie di torce al plasma e vantaggi

Come potrebbe intuire un esperto di lavorazione delle lamiere a Torino il taglio al plasma è diretto discendente della saldatura al plasma. Nasce dall’utilizzo di una pratica finalizzata ad un altro risultato. Infatti utilizzando quindi il getto preciso dell’arco elettrico per eseguire dei tagli più che per unire parti metalliche diverse. Oggi invece possiamo distinguere due tipologie di dispositivi di torce al plasma. Ovvero di quei dispositivi con cui si eseguono questo tipo di lavorazione su lamiere a Torino. La differenza principale risiede nel tipo di elettrodo utilizzato che può essere:

  • a bobina piana specifico dei dispositivi piatti
  • o a molla ad elica presente nei macchinari cilindrici

Inoltre esistono vari modi di procedere per eseguire questo tipo di lavorazione su lamiere a Torino. Queste dipendono da vari fattori come la precisione del taglio e la realizzazione manuale o meccanica. Infatti oltre al normale taglio possono essere utilizzate modalità come sistemi a doppio gas, con schermo ad acqua o tagli di precisione. Ma la scelta ricade quasi sempre sul taglio al plasma soprattutto per i grandi vantaggi che lo contraddistinguono che possiamo riassumere così:

  • basso rischio di avere imperfezioni durante la fase di taglio dal momento che non incorrerete nella deformazione del materiale
  • il taglio rimane pulito e di ottima qualità sia su lamine sottili che spesse
  • il fatto stesso che questo tipo di lavorazione sia così diffuso ha fatto si che i macchinari siano diventati più precisi, maneggevoli ed economici

L’ossitaglio e le sue fasi

Un altro tipo di lavorazione per lamiere a Torino è l’ossitaglio. E’ un procedimento utilizzato nel settore della siderurgia, proprio come il taglio al plasma, per tagliare lamiere o lamine in metallo. La sua particolarità è quella si utilizzare una fiamma a base di acetilene. Questa è unita ad un flusso costante di ossigeno, senza però che ci sia un contatto tra strumenti e lamiera da tagliare. Questo tipo di lavorazione è possibile dal momento che i metalli, composti da ferro e carbonio, bruciano se portati alla giusta temperatura. O se sono introdotti in un’atmosfera in cui è presenta dell’ossigeno. Tra i vantaggi della lavorazione di lamiere a Torino con l’ossitaglio è che, grazie alla presenza di due getti, è possibile eseguire tagli liberi in qualsiasi direzione. Infatti il cannello può presentare sia un unico getto, che due affiancati. In questo caso però si potrà intervenire solo su una porzione di materiale ed il taglio verrà eseguito solo in una direzione. Per quanto riguarda le fasi della lavorazione di lamiere a Torino con ossitaglio potremmo riassumerle in due passaggi, ovvero:

  1. riscaldare il metallo con la fiamma fino a portarlo ad incandescenza
  2. aprire manualmente il flusso dell’ossigeno per il tempo necessario a tagliare effettivamente la lamiera

Solo dopo questi passaggi si potrà proseguire con la lavorazione e quindi aprire la lamina metallica.